Agenzia web marketing e Angular, quarta puntata di un posto al sole

agenzia web marketingCertamente con Angular la questione del framework posta a livello didattico da agenzia web marketing rischia di essere molto prolissa, ma coerenti con le politiche di sviluppo che vedono affiancare questo potente paradigma Model View Control allo studio della lingua inglese e al training degli scacchi giocati, accingiamoci a sviscerare la questione strutturale dell’ articolo indeterminativo inglese. Sul portale https://umbriawayformazione.wordpress.com/ avevamo risposto alla domnanda: ma quando si usa l’articolo determinativo THE? Sul portale https://umbriawaynoir.wordpress.com/ abbiamo risposto alla domanda: ma quali regole ci sono nella lingua inglese per discplinare il NON uso dell’ articolo determinativo THE? Ora passiamo ad affrontare con ahenzia web marketing la questione dell’ articolo indeterminativo A/AN. che corrisponde agli articoli indeterminativi singolari della lingua italiana, ossia un, uno, una. SI USA prima di una consonante e di una H aspirata: a book, a fish, a woman, a year, a zoo, a house per esempio. SI USA prima di una vocale e di una consonante muta: an airplane, an hour. SI USA davanti a suoni semivocaici, come JU, si usa A. Davanti a sigle che iniziano per consonanti si usa AN: a European citizen, a university student, an FBI agent, an MP (un onorevole) per esempio. SI USA davanti alle principali parole inglesi che iniziano con H MUTA: hour, an hour ago (un ora fa), heir (erede), trath Prince may be an heir to the throne (quel principe può essere un erede al trono), honest, Mr. Smith in an honest businessman (il signor Smith é un onesto uomo di affari), tutti casi che contemplano l’uso di una H MUTA. SI USA Prima di nomi numerabili: a pencil, a boy, an orange. SI USa prima di parti del corpo, capi di vestiario e parentela: Mary has a beautiful noise (Mary ha un bel naso), It’s very cold I need a hat (fa molto freddo ho bisogno di un cappello), I have an uncle in The US (ho uno zio negli stati uniti). SI USA dopo half quando é seguito da misurazione: half a kilometer (mezzo kilometro), half a ton (mezza tonnellata). SI USA prima di nomi propri di persona, preceduti da un titolo, intesi nel senso di “un certo” o “un tale”: I met a Mr. Jones at the party (ho conosciuto un certo signor Jones alla festa). SI USA prima dei nomi delle professioni: a policeman, an architect, a bus driver. SI USA in espressioni di prezzo, velocità e rapporto numerico: $ 2000 a kilo, 120 km an hor, three times a day. A questo punto con agenzia web marketing verrebbe da chiedersi quando non si usa l’articolo indeterminativo. NON SI USA prima dei nomi non numerabili e astratti quando sono generici: petrol, news, information, win, smog, happiness. A questo punto switchiamo e passiamo agli scacchi agonistici giocati analizzando la partita http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1067160 Anatoly Karpov vs Garry Kasparov “Passed Perfecagenzia web marketingt” Karpov – Kasparov World Championship Match (1984), Moscow URS, rd 27, Nov-23 Queen’s Gambit Declined: Three Knights Variation. General (D55) finita 1 a zero in 59 mosse dove si evince che il bianco vince senza rischiare tatticamente nulla che vinse il premio come migliore partita dell’ informatore 38 per la tecnica sopraffina usata dal bianco. Una bella lezione di strategia non c’è che dire per il futuro campione del mondo che in quel match era a un passo dal baratro ma che riuscì a rialzarsi con colpi di reni formidabili sovvertendo quello che sembrava un pronostico già scritto! E a questo punto passiamo ad analizzare Angular dopo aver ricordato con agenzia web marketing che tutte le grafiche utilizzate da Umbriaway Consulting arrivano royalty free da http://www.unsplash.com. Diamo quindi un occhiata alla struttura delle directorty di Angular. Come detto la cartella SRC contiene tutta una serie di file di configurazione importanti. Il file package.json mostra le famose dipendencies create al momento dell’ installazione dei vari pacchetti, tutta quella serie di moduli utili e specifici per assolvere a determinate funzioni, come il pacchetto CLI o quello per le animazioni o quello che dichiara typescript come linguaggio di scripting. Il file tsconfig.json invece si usa per spiegare a typescript come deve assolvere il suo compito all’ interno dell’ applicazione, con quali regole di compilazione e uso, ricordando che il webpack dalla riga di comando é già predisposto per convertire il tutto su ogni browser trasformando tutto in javascript tradizionale durante la conversione automatica per la visualizzazione su localhost. Ad esempio sul file tsconfig contiene anche i parametri per specificare quale versione di ecmascript voglio utilizzare, inserendo la dicitura 5 nel nostro progetto sono sicuro che il mio codice JS correrà su tutti i browser. Inoltre anche qui sono segnate quelle librerie dove esistono delle dipendenze. Nel file tslint.json andremo invece a specificare tutte quelle regole di interpretazione sintattica per la scrittura del codice ossia la gestione degli spazi o i punti e virgola finali di fine istruzione. agenzia web marketingGli editor ci segnalano gli errori a seconda di questi file di configurazione. Il file angular-cli.json anche qui inizializza quelle che sono le operazioni principali su quali pagine gestire, le versioni, le modalità di lavoro e le opzioni, dipendenze di script esterni e gestione CSS e le variabili di ambiene per lo sviluppo e produzione, la pagina principale da caricare con il suo main.ts principale al seguito. All’ interno del progetto gli editor inoltre creano delle cartelle nascoste facilmente visibili perché hanno il punto davanti a contrassegnarle. Abbiamo accennato prima al fatto che si lavoro all’ interno della cartella SRC e APP in particolare sui tre componenti che rappresentano il corpo del codice app.component.html, il vestito con i css app.component.css e la parte di scripting con app.component.ts, ma questi file hanno delle dipendenze con i file ad esempio come style.css che andrà a contenere a livello globale tutte le regole di stile per la nostra applicazione e lo stesso per il main.ts e l’index.html dove ad esempio posso già cambiare il titolo con effetti immediati di visualizzazione. E’ un meccanismo di MAPPATURA per legare i moduli ad esempio se diamo un occhiata a quello che c’è dentro al file generico HTML di configurazione della nostra APP scopriamo che all’ interno del body in index.html troviamo il tag <app-root></app-root> che ha la sua configurazione su app.component.ts per cui volendo potrei anche modificare in <app-main></app-main> facendo attenzione però a segnalare questa modifica al file TS. Importazione, esportazioni di classe uso dei metodi: tutto gestito in maniera correlata dai file di configurazione, conclude agenzia web marketing evidenziando che seppure tutta la struttura sembra estremamente complicata in realtà si tratta solo di avere a portata di naso tutte le risorse che ci servono per costruire App funzionali e performanti. Per semplificare dobbiamo pensare alla struttura di Angular come a un complicato meccanismo di scatole cinesi che generano dipendenze a cascata tra tutti i componenti di lavoro coinvolti, con richiami ai moduli in automatico e ordini di costruzione personalizzabili se si sa bene dove mettere mano. In uno dei prossimi post con agenzia web marketing prenderemo in esame la costruzione personalizzata dei moduli sia sul versante manuale, sia da terminale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...